Liga Spagnola

Calcio

La Liga Spagnola, noto anche come Liga BBVA per questioni sponsor, è il campionato principale di calcio della Spagna. Al momento è, secondo l’UEFA, il 1° campionato per competizioni di club, non a caso sono diversi anni che la Spagna (come nazionale) e le squadre iberiche dominano in lungo e in largo in Europa e nel mondo.

Storia della Liga Spagnola

Il primo campionato della storia di questa competizione è datato 1929 e ha visto il successo del Barcellona su un totale di 9 squadre partecipanti. La vittoria è arrivata ai danni del Real Madrid all’ultima giornata: è stato l’inizio di una rivalità che dura fino ad oggi e che culmina, ogni anno, nel “Clasico”.

Nel 1933 il campionato venne esteso a 12 squadre, per arrivare poi a 14 nel 1941 e a 16 nel 1950.

Gli anni ’50 e ’60 sono quelli del Barcellona e del Real Madrid, le due squadre che, a colpi di campioni, dominarono il panorama dell’epoca. Nomi come Alfredo di Stefano, Kopa, Puskas e Gento furono il quartetto d’attacco del Real Madrid che, in quegli anni, vinse praticamente tutto.

Gli anni ’80 furono quelli dei club dei paesi baschi, con Real Sociedad e Athletic Bilbao che vinsero in patria, mentre sul finire del decennio il Real Madrid vinse 5 scudetti di seguito.

La stagione 1987 – 88 vide il passaggio da 18 a 20 club, vennero aboliti i play-off, mentre rimasero i play-out tra la 17° e la 18° posizione.

Gli anni ’90 furono invece quelli del Barcellona di Cruyff, che vince in terra spagnola e all’estero con campioni come Koeman, Laudrup e Romario. Nel 1992 il Barça vinse finalmente la prima Coppa dei Campioni della sua storia, ai danni della Sampdoria di Vialli e Mancini.

Liga Spagnola 2016 – 2017

Poche le novità per la Liga 2016 – 2017 che si appresta ad aprire i battenti il prossimo fine settimana.

Davanti a tutte, pronte a contendersi il titolo di campione di Spagna, le solite tre: Atletico Madrid, Barcellona e Real Madrid, in rigoroso ordine alfabetico.

Le tre “grandi” del calcio spagnolo hanno cambiato pochissimo durante questa sessione di calciomercato, a partire dai campioni in carica, il Barcellona di Luis Enrique. I blaugrana hanno aggiunto nel loro motore il difensore francese Umtiti, proveniente dal Lione, il terzino Digne (ex Roma) e il centrocampista Andre Gomes comprato dal Valencia. Sono di nuovo loro i favoriti per la vittoria finale, potendo contare sulla MSN, Messi-Suarez-Neymar.

Subito dietro, i campioni d’Europa in carica del Real Madrid, con Zidane al timone per la prima volta in carriera con una squadra dall’inizio della stagione. Dopo aver inseguito (inutilmente) il sogno Pogba, Zidane riparte dalla stessa rosa della scorsa stagione con un Morata in più in attacco e con un Ronaldo (anche se attualmente infortunato) carico dopo la vittoria nel campionato europeo con il suo Portogallo.

Chi ha cambiato di più quest’estate è l’Atletico Madrid del “cholo” Simeone, vice campione d’Europa e probabilmente alla sua ultima stagione sulla panchina dei “colchoneros”. Per tentare l’assalto alla Liga e alla Champions, Simeone ha ottenuto l’esperto attaccante Gameiro dal Siviglia, pagato 32 mln di euro, l’ala Gaitan dal Benfica e il terzino Vrsaljko dal Sassuolo. Come al solito, si punta molto sulla “garra” del tecnico argentino per continuare a stupire ancora.

Secondo te, il Barcellona si confermerà campione? Oppure sarà finalmente la volta dell’Atletico? E il Real starà a guardare? Scommetti ora per non perdere le quote più vantaggiose dell’anno.

Dietro di loro, un trittico di squadre pronte a contendersi il quarto posto utile per il piazzamento Champions: il Villareal (quarto la stagione scorsa), che ha puntato forte sull’ex bimbo prodigio Pato (in gol nell’andata del preliminare di mercoledì scorso), e ha fatto spesa in Italia, con gli acquisti di Soriano dalla Sampdoria e Sansone dal Sassuolo; il Siviglia che ha salutato Emery (approdato al PSG) e si è affidato all’esperto Sampaoli e il Valencia. Gli andalusi hanno ceduto Gameiro all’Atletico e lo hanno rimpiazzato con il “mudo” Vasquez e hanno puntato sul talento di Ganso. Per il Valencia, dopo il deludente dodicesimo posto dello scorso campionato, questo deve essere il campionato del riscatto. Il colpo a “sensazione” è l’acquisto di Nani, reduce da un ottimo europeo giocato con la sua nazionale.

Le squadre che sembrano meglio attrezzate per ambire ad un piazzamento Uefa sono l’Athletic Bilbao, fedele al “nazionalismo” basco, il Celta Vigo, che spera in un’altra stagione di grazia del bomber Iago Aspas e il Malaga di Juande Ramos che, dopo i fasti dei magnati arabi, da qualche anno a questa parte confeziona acquisti minori in sede di calciomercato.

Un gradino dietro nella corsa all’Europa troviamo la Real Sociedad, il cui unico colpo è l’acquisto dell’attaccante Juanmi dal Southampton, il Real Betis che sta per prendere David Lopez dal Napoli e punta molto sul gioiellino di scuola Roma Sanabria, l’Espanyol di Sanchez Flores che ha puntellato la difesa con l’esperienza di Demichelis, preso a titolo gratuito dal Manchester City.

Obiettivo salvezza, invece, per il resto delle squadre presenti in questa Liga 2016 – 2017. Chi dovrebbe raggiungere l’obiettivo senza particolari patemi è il Deportivo La Coruna; molta più incertezza, invece, per tutte le altre, a partire dal piccolo Eibar, autore di un’ultima, grande, stagione e il Las Palmas, rinforzatosi con gli arrivi di Boateng dal Milan e di Livaja dal Rubin Kazan.

Tutte da seguire le tre neopromosse, che, verosimilmente, si giocheranno la salvezza fino all’ultima giornata insieme allo Sporting Gijon di Abelardo e al Granada: il Deportivo Alaves, il Leganes e l’Osasuna.

Scommetti ora per decidere il prossimo campione della Liga Spagnola.

Liga spagnola 2015 / 2016

20 squadre in campo in questa stagione che ha visto il trionfo, per un solo punto di distacco, del Barcellona sul Real Madrid, 91 a 90. Terzo posto, a sole due distanze dai blancos, l’Atletico Madrid, che ha dimostrato ancora una volta di essere oramai una grande.

Da segnalare il cambio di rotta, in corso di stagione, del Real Madrid, che ha messo in panchina Zinedine Zidane, tecnico con cui la stagione del primo team della capitale ha preso tutta un’altra piega, riuscendo anche ad arrivare in finale di Champions e portando a casa “l’uncedima”.

Rayo Vallecano, Getafe e Levante sono state le retrocesse.

I migliori calciatore della Liga Spagnola

Se esiste un campionato per il quale è più difficile fare una classifica dei migliori calciatori, è proprio la Liga.

Per la Spagna sono passati alcuni dei più forti campioni di calcio della storia, dai già citati Di Stefano, Kopa, Puskas e Gento, fino all’olandese Cruyff, senza dimenticare Ronaldo (comprato poi dall’Inter) e, più di recente, Messi e Neymar.

Tanti anche i portieri che sono stati tra i migliori al mondo, tra cui Iker Casillas, il numero 1 della mitica Spagna che vinse tutto all’inizio degli anni 2010.

Record della Liga Spagnola

  • Giocatori con più presenze: Zubizarreta (622), seguito da Raul (550);
  • Giocatori con più titoli vinti: Gento (12);
  • Maggior numero di gol fatti: Messi (312), Ronaldo (260 in 236 gare)
  • Più volte Pichichi (miglior marcatore): Zarra (6), Di Stefano, Puskas
  • Più volte Zamora (miglior portiere): Ramallets e Valdés (5), Canizares (4)
  • Maggior numero di titoli vinti: Real Madrid (32), Barcellona (24), Atletico Madrid (10).

Scommesse Liga Spagnola

Per la particolare tipologia del campionato, scommettere sulla Liga Spagnola è più semplice rispetto ad altri paesi.

Barcellona e Real Madrid sono, come sempre, due scommesse sicure, da qualche anno l’Atletico è diventata un po’ il terzo incomodo. Sono davvero poche le sorprese che potremmo attenderci alla fine della stagione, anche se non sono mai da scartare.

Per chi ama le scommesse calcistiche, la Liga è uno dei campionati più interessanti da valutare.